Profilo dell'Autore

Glenn Cooper nasce nel 1953 a White Plains, cittadina dello stato di New York. E' da annoverare tra gli autori più poliedrici degli ultimi anni. Laureato prima in archeologia, poi in medicina, riesce a sfruttare le sue conoscenze e i suoi studi per rendere accattivanti e dei veri e propri casi letterari i suoi romanzi. Non a caso, in gran parte dei suoi testi, la profonda conoscenza del passato e la sapiente comprensione del corpo umano saranno utili per far restare inchiodati i lettori. La scelta di intraprendere la carriera di scrittore non è immediata. Per Cooper la scrittura è inizialmente evasione e ricerca. Benchè inizi a scrivere già nei primi anni novanta sarà del 2009 la sua prima pubblicazione, La biblioteca dei morti. Il suo fu un immediato successo. In poco tempo, soprattutto in Italia, sarà inserito tra i best seller con quasi tre milioni di copie vendute solo nel nostro paese. Da qui in poi la sua carriera da scrittore è proseguita sulla scia di libri dal genere thriller producendo numerose Trilogie e Tetralogie.



Temi e Particolarità

La scrittura di Glenn Cooper è strabiliante, riesce a tenerti col fiato sospeso capitolo dopo capitolo senza mai provare stanchezza. La componente misteriosa è ben interpretata nei suoi libri e ne La biblioteca dei morti ce ne dà ampia dimostrazione. Ci troviamo, lungo tutto il percorso del romanzo, a balzare in tre tempi storici diversi. Il primo è il tempo della storia vera e propria, il 2009. Un serial killer con uno schema ben preciso mette in difficoltà l'FBI. Il secondo è un tempo meno recente ma comunque vicino a noi, il 1947. Il governo inglese viene messo al corrente di una scoperta potenzialmente pericolosa e, sugli strascichi delicati della fine della seconda guerra mondiale, dovrà trovare il modo di tenerla nascosta. Il terzo è un tempo passato, antico e misterioso, il 777. In un monastero benedettino della Britannia si consuma un miracolo assurdo quanto inquietante. Il priore dell'Abbazia di Vectis dovrà riuscire a ristabilire l'ordine e tenere riservato un oscuro segreto. Inutile dire che con grande maestria Cooper riesce ad amalgamare perfettamente i tre tempi e le tre storie che questi raccontano, storie legate dal filo di un mistero pericoloso quanto segreto. Non mancheranno colpi di scena, situazioni limite e una bella dose di suspanse che aleggerà in molti capitoli. Questo è un romanzo che si fa leggere con tanta passione e che, anche per chi non è amante del genere, può trovare più che interessante.



Recensione

Personalmente se avessi dovuto scegliere un libro in non avrei preso in considerazione La biblioteca dei morti. Grave errore. Sarà che sono una nostalgica che ancora si aggrappa alla lettura dei classici e dei grandi nomi, sarà che il thriller non è tra i miei generi prediletti ma sicuramente avrei fatto un grosso sbaglio. Per fortuna ci ha pensato una persona speciale che ha deciso di farmene dono. Ho iniziato la lettura di questo romanzo di giorno e l'ho terminata la notte stessa. Un vortice che mi ha letteralmente rapita. La storia, che si apre come la ricerca di uno spietato serial killer che spedisce alle proprie vittime una cartolina con disegnata su una bara e la data precisa della propria morte, prenderà a poco a poco una piega completamente diversa. Se arrivati a metà del libro penserete di aver capito tutto.. beh sappiate che non è così. La storia è ben più complessa, oscura e misteriosa. Tutto verrà chiarito nel tempo e la grossa matassa di eventi verrà sbrogliata non senza effetti speciali. Sommando tutto è un libro che vale la pena leggere per curiosità e per sentirsi per un po' camminare sul filo del rasoio.

TORNA INDIETRO - GO BACK